Lettera aperta di un uomo della strada a un elettore berlusconiano

Poche righe di un cittadino qualunque in risposta alla lettera di un elettore berlusconiano ad un elettore democratico.

Caro elettore berlusconiano, passata la buriana delle elezioni mi accingo a dare risposta alla lettera che tu stesso hai inviato all’elettore democratico qualche tempo fa attraverso un quotidiano nazionale. Io non sono un elettore del partito democratico, non ho idee politiche di sinistra, o meglio comuniste, ma, ciò nonostante non nutro simpatie per te. Devi sapere che in verità io non odio ne te ne Berlusconi. Odio invece chi usa e violenta il paese, chi stupra la democrazia, chi calpesta la collettività, forse perché io amo profondamente tutto questo, lo sento mio con orgoglio. Come te del resto, almeno è quello che scrivi, benché proprio qui stia il punto che mi è difficile comprendere. 

Se pensi che le tasse siano troppo alte ebbene lo penso anch’io, ma per chi le tasse le paga. Per i ladruncoli invece no. Forse è stata una dimenticanza ma nel suggerire come abbassarle, le tasse intendo, dovresti anche suggerire come eliminare l’evasione. E se in parlamento chi ti rappresenta avvalla il falso in bilancio, è contro le leggi…

continua su http://www.alfadixit.com

Lettera aperta di un uomo della strada a un elettore berlusconianoultima modifica: 2013-03-27T09:26:00+00:00da alfadixit
Reposta per primo quest’articolo