Caro Sivio ti scrivo, ma non per ditrarmi un po’, ma per dirti, da ex elettrice, “vattene”

Appunti di una lettrice che, pur avendo votato l’attuale esecutivo, è anche convinta di non aver firmato alcuna cambiale “in bianco”, che non basta cioè dire che chi ha vinto le elezioni è legittimato a governare se poi elude le promesse e tradisce gli impegni con gli elettori. Spett. Redazione scrivo perché desidero intervenire nel dibattito, che sento fervente ed … Continua a leggere

La destra delle escort ed evasori fiscali. La sinistra di intellettuali e moralisti.

Egr. Dr. Mentana Ho letto con piacere il suo articolo su Vanity Fair di questa settimana dove, prendendo spunto dalla manifestazione del Palasharp di domenica, lei sintetizza il malessere profondo che attraversa gli strati della società civile italiana. In particolare si osserva che, interventi come quelli di Umberto Eco, Roberto Saviano, Moni Ovadia, Lella Costa benché tutto sommato condivisibili, abbiano … Continua a leggere

Cari Bossi e Calderoli cosa c’è sotto questione del 17 Marzo festa nazionale?

Assistiamo ultimamente ad un dibattito serrato sulla data del 17 marzo, dichiarata dal governo, una tantum, festa dell’Unità d’Italia, ma osteggiata da altri. Al di la delle considerazioni ideologiche, il presidente di Confindustria Emma Marcegaglia, Calderoli, Biossi e la Lega ha ribadito con forza la necessità di lavorare comunque perché, data la difficile situazione in cui versa il paese, perdere … Continua a leggere

Gentile Signora Gelmini ebbene sono proprio io il “radical chic”.

Mi permetto di scriverle perché ho avuto modo di sentire nei ultimi tempi qualche critica, neanche troppo velata, da parte Sua e di esponenti vicini al suo partito, a proposito di coloro che sono scesi in piazza nei giorni scorsi per esprimere il proprio dissenso nei confronti di una situazione sociale, politica, morale, incredibilmente degradata ed inaccettabile per una società … Continua a leggere

Sociologia del voto. Perché l’elettorato PdL tutto sommato “tiene” nonostante Berlusconi. Riflessioni e pensieri per il centro sinistra in Italia

  Sociologia del voto. Perché l’elettorato PdL tutto sommato “tiene” nonostante Berlusconi. Riflessioni e pensieri per il centro sinistra in Italia   Riceviamo e pubblichiamo la lettera di una ex elettrice del PdL che ci offre lo spunto per qualche valutazione sulla sociologia del voto. Ragioni consce ed inconsce del fascino berlusconiano. Spett. Alfadixit La presente in riferimento all’articolo apparso … Continua a leggere

Cristiani e politica. Chi dice che non c’è alternativa alla immoralità?

Se ancora ce ne fosse bisogno la presa di posizione di molti organi di stampa di area cattolica è netta. La figura del presidente del consiglio è nociva per il paese. Anche Famiglia Cristiana lo ribadisce ma certamente non c’è bisogno di suggerimenti per essere d’accordo. Bastano la coscienza e la comune morale. E pensare che si vuole spacciare tutto … Continua a leggere

Sveglia Landini. La Fiat va negli USA.

    Purtroppo sarà inevitabile. Marchionne lo ha già detto ad una convention negli USA. La fusione fra Fiat e Chrysler potrebbe essere questione di poco. Nei prossimi anni questa sarà probabilmente l’evoluzione delle due società. Accorpare infatti, portare tutto in un solo headquarter è senz’altro più conveniente ed efficiente. E se questo avvenisse è facile capire come la scelta … Continua a leggere

La giustizia a senso unico. Discredito, occultamento e impunita per i potenti. Incuria per i cittadini

Ancora una volta il solito vittimismo, il solito piagnisteo. Adesso attraverso proclami internert, versione moderna del balconcino di Palazzo Venezia. Eppure non si capisce perché tanta foga contro i giudici quando basterebbe difendersi normalmente come tanti hanno fatto prima di lui. Gardini, Andreotti, Craxi, Tanzi, Ciarrapico, Fiorani, Dell’Utri, Cuffaro così tanto per fare qualche nome. Qualcuno ci ha pure lasciato … Continua a leggere

Invito di Napolitano a sobrietà e pacatezza. La Rai risponde con Sgarbi.

E’ incredibile, la realtà supera la fantasia.  Giustamente preoccupato della pericolosa degenerazione dei toni nelle discussioni politiche e sui media, il presidente Giorgio Napolitano ha più volte lanciato il monito alla moderazione, all’uso della corretta dialettica rispettosa dell’altro, tollerante,  in altre parole civile. Ed ecco il colpo di genio. Per ottemperare all’invito, verso il quale peraltro tutti si sono affrettati … Continua a leggere